news ed eventi CIA

Castellaneta Marina, la tassa di soggiorno fa discutere

Castellaneta Marina Castellaneta Marina

Ferma protesta e richiesta di un incontro urgente con il sindaco Gianni Di Pippa, l'assessore al ramo Anna Molfetta e i capigruppo consiliari.

Le associazioni di categoria suonano la carica esprimendo malcontento circa le modifiche alla tassa di soggiorno varate dalla maggioranza e approvate in consiglio comunale due mesi fa.

Il coordinatore dell’associazione nazionale imprenditori d’albergo Assohotel Confesercenti Taranto Pietro Giovanni Laterza,  il presidente dell’organizzazione territoriale di Casaimpresa Confesercenti Castellaneta  Paolo Tanzarella, la coordinatrice Associazione italiana Gestori Ospitalità Diffusa AIGO Confesercenti Taranto Tiziana Errico, la presidente provinciale di Confesercenti Taranto Casaimpresa, Francesca Intermite contestano, in estrema sintesi, un aumento delle tariffe, un allungamento del periodo di applicazione oltre che una riduzione delle esenzioni. 

Inoltre, attaccano l'amministrazione per non aver condiviso per tempo le sue intenzioni con gli addetti ai lavori.

Per questi motivi hanno formalmente richiesto al sindaco ed all’assessore Molfetta di aprire un tavolo di confronto con gli stakeholders del settore turismo nell’interesse delle imprese e della economia dell’intero territorio di Castellaneta. 

I sottoscrittori della missiva ritengono “totalmente non condivisibili le motivazioni pubblicamente addotte per la adozione del provvedimento che, evidentemente, tende esclusivamente a conseguire l’obiettivo di fare ulteriormente cassa sul settore turismo. Un settore certamente molto importante per l’economia di Castellaneta che, diversamente da quanto affermato, vive un momento di grande incertezza”.

“Come e noto – continuano i rappresentati delle categorie - Il turismo a Castellaneta, essendo legato esclusivamente alla risorsa mare ed ai mesi estivi, e ben lontano dal registrare i trends di crescita di altre località pugliesi che sono caratterizzate da una offerta turistica più destagionalizzata e attrattiva per il turismo estero e di qualità.

Probabilmente un confronto con le associazioni di rappresentanza delle categorie di impresa interessate avrebbe consentito una analisi più attenta, competente ed equilibrata dei complessi scenari attuali (la riduzione del turismo italiano, l’incremento di quello straniero, la concorrenza di paesi confinanti, la forte crescita dei costi di trasporto e di gestione etc.) e delle prospettive, consentendo scelte strategiche condivise tra la amministrazione comunale e le imprese. La competitivita delle destinazioni turistiche dipende sempre piu, infatti, da una offerta di territorio in grado di fare sistema e valorizzare tanto i servizi privati quanto quelli pubblici”.


Fino a quando l’amministrazione comunale di Castellaneta opererà senza avvertire la esigenza di confrontarsi con le imprese e le loro rappresentanze per conoscerne le esigenze ed i programmi, non sarà di alcun aiuto al settore, anzi lo penalizzerà fortemente. D’altra parte la mancanza di confronto registrata risulta tanto più inaccettabile in considerazione delle promesse di “ascoltare le richieste” e di riservare alle associazioni di categoria “un ruolo fondamentale…con un dialogo ed un confronto continuo”.

I sottoscrittori evidenziano non solo la intempestività del provvedimento (considerato l’imminente avvio della stagione), con attività di promozione e contratti già definiti, ma sottolineano infine come “a differenza della gran parte dei comuni turistici pugliesi, non vi sia alcuna condivisione ne conoscenza della destinazione dei fondi rivenienti dalla tassa di soggiorno (art. 2 regolamento).

In particolare, le categorie di Confesercenti Taranto e Castellaneta, Assohotel, Casaimpresa e AIGO hanno richiesto l’apertura di un giusto confronto su questi importanti temi, per adottare i necessari correttivi ed anche per modificare sostanzialmente il metodo di governo del settore turismo ricordando che, come previsto dall’art.13 del regolamento della tassa di soggiorno, viene richiesto un “coordinamento dei soggetti pubblici e privati per la programmazione…”.

In conclusione i rappresentanti di categoria, ancora una volta, hanno richiesto al sindaco ed all’assessore al ramo, di aprire un tavolo di confronto con gli stakeholders del settore turismo nell’interesse delle imprese e della economia dell’intero territorio di Castellaneta". 

Le notizie del giorno sul tuo smartphone
Ricevi gratuitamente ogni giorno le notizie della tua città direttamente sul tuo smartphone. Scarica Telegram e clicca qui

La Redazione - ven 17 maggio

Il prossimo 25 maggio, nell'oratorio Don Bosco di via Taranto, la confraternita ...

La Redazione - gio 16 maggio

Nella serata del 14 maggio, nella sede diocesana di Castellaneta, il nuovo consiglio diocesano ha nominato ...

La Redazione - gio 16 maggio

«Ancora una volta l’amministrazione Di Pippa dimostra di essere sorda alle esigenze ...